Fantic Motor torna con Issimo, la e-bike di ispirazione motoristica maneggevole e divertente da guidare

Si é tenuta oggi la presentazione di Issimo la nuova e-bike presentata da Fantic.

Fantic azienda Veneta basata sul valore delle persone, come spiega Mariano Roman, AD di Fantic, dopo il successo del nuovo Caballero, si presenta con una nuova scommessa dall’anima tutta green:  una e-bike dal concept cittadino pensata per un vasto pubblico di tutte le età.

Issimo si fa notare a primo sguardo per il richiamo al mondo motoristico, lo stesso nome deriva da un noto ciclomotore degli anni 80. Si presenta molto maneggevole e divertente da guidare, dal design innovativo, comodo e alternativo. Marciapiedi, binari del tram e pavè si affrontano con estrema facilità grazie a pneumatici importanti da 20′. Grazie all’autonomia della sua batteria può coprire inoltre una distanza di oltre 100 km ed ha un prezzo davvero competitivo.

Due le versioni disponibili: Urban e Fun. La prima pensata per chi vuole usare il veicolo in città come mezzo di trasporto di tutti i giorni, monta pneumatici con battistrada stradale ed un parafango posteriore in grado di ospitare anche una borsa. La seconda per chi vuole saltuariamente uscire dalle strade battute, con ruote tassellate e codino sportivo.

Presenti Tiziano Busin, presidente di Fantic Motor e amministratore delegato di VeNetWork società che riunisce 47 imprenditori veneti, e Francesco Moser, la nota leggenda del ciclismo italiano che si dice contento alla sua età di poter avvalersi dell’aiuto elettrico dopo tanti anni di fatiche e vittorie, anche se diciamocelo, sembra ancora un ragazzino!

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Motor Bike Expo

Motor Bike Expo 2020 si tinge di rosa

I cancelli di Veronafiere si aprono anche quest'anno per la 12esima edizione del Motor Bike Expo

Issimo, la nuova e-bike di Fantic Motor

Una e-bike a metà tra un ciclomotore e una bicicletta a pedalata assistita, ecco Issimo!

Laura ci racconta la sua Gibraltar Race

Tappa dopo tappa il racconto in sella di chi l'ha vissuta veramente