Anna, la fortunata vincitrice dei pass paddock e tribuna messi a disposizione da Suzuki per le Donneinsella nella tappa di Moto Gp al Mugello ’16, ci racconta la sua esperienza.

“Il Mugello è qualcosa che si vive dentro, che si respira.  Già all’uscita dell’autostrada si cominciano a vedere i primi segni che la pista è vicina. La strada che dal parcheggio porta alla pista è un’unica fila entusiasta, e non puoi fare a meno di sentirti galvanizzata dall’euforia di migliaia di persone accomunate dalla stessa passione. Può sembrare scontato, ma per me il Mugello è anche questo: sentirsi parte di una comunità, di un gruppo.

Finalmente ecco il grande Casco Rosso! Grazie ai pass Suzuki, ci troviamo in un attimo nei paddock e qui inizia la magia: addetti ai lavori, meccanici, ombrelline ma soprattutto piloti che scorrazzano in scooter. All’inizio sono talmente frastornata che quasi non mi sembra vero. La pista è attorno a noi e le colline sono piene di persone a perdita d’occhio.

Nell’ hospitality Suzuki  i mega schermi ci consentono di essere sempre aggiornati sui progressi delle qualifiche e delle gare. Vediamo quasi subito Vinales ed Espargaro, riesco ad avvicinare e a chiedere un po’ di previsioni a Mr. Kawamura, Presidente di Suzuki Italia, e Mr. Taniguchi ,Vice presidente di Suzuki Italia che si prestano con il sorriso a condividere con me questo piccolo momento.

La giornata è scandita dalle varie qualifiche. Ci aggiriamo tra tecnici, meccanici, box e gommisti, c’è chi sistema le tute e chi si occupa dei caschi. Tutto è preparato con precisione scientifica e grande passione. Mi rendo conto che la gara è solo una piccolissima parte di un lavoro incessante che dura mesi e che vede il suo coronamento in poco più di 30 minuti di gara.

La domenica inizia con una grande carica di aspettative, sia dentro che fuori dai paddock. Dopo una visita ai box Suzuki (top!) ci avviamo verso la tribuna Poggio Secco per le gare della Moto 3, Moto 2 e la tanto agognata Moto GP. Quando inizia l’inno d’Italia devo ammetterlo: l’emozione mi ha travolta. I piloti si sono schierati in griglia di partenza, e via verso la corsa all’ultimo centesimo di secondo. Purtroppo la gara ha avuto degli imprevisti che hanno fiaccato il morale di molti, ma non il mio… dopo un week end così, nulla poteva abbattermi!”

Continua a seguirci, la prossima inviata speciale Donneinsella potresti essere tu!